CPU, è cominciata l’era dei six-core

Condividi

Nome in codice Dunnington, sono i nuovi chip che Intel ha presentato ieri, le prime CPU x86 six-core del mercato. I nuovi Xeon 7400 (nome commerciale), che presentano anche versioni a quattro core, sono prodotti con un processo di 45 nanometri e presentano un design monolitico, cioè tutti i core sono integrati sullo stesso pezzo di silicio. Integrano fino a 16 MB di cache L3 condivisa ed hanno una frequenza di clock di 2,66 GHz. Per agevolare l’aggiornamento degli attuali server Intel-based alle nuove CPU, i Xeon 7400, hanno lo stesso socket dei Xeon 7300.

Inoltre integrano la tecnologia di virtualizzazione FlexMigration, che viene utilizzata per semplificare la migrazione live delle macchine virtuali verso host che montano Xeon di vecchia generazione.

Intel afferma che le nuove CPU, in condizioni ottimali, forniscono fino al 50% in più di performance con un consumo uguale o poco superiore delle antecedenti CPU Xeon 7300.

I prezzi dei Xeon 7400, vanno dai 1177$ del modello E7420, ai 2729$ dei modelli L7455 e X7460.

Già una cinquantina di produttori di server utilizzerà la tecnologia Dunnington, tra i quali ci saranno i rack a quattro socket di Dell, Fujitsu, Fujitsu-Siemens, Hitachi, HP, IBM, NEC, Sun, Supermicro e Unisys, i server blade a quattro socket di Egenera, HP, Sun e NEC e i server con scalabilità fino a 16 socket di IBM, Unisys, NEC e Bluebell, che potranno contenere fino a 96 core (gestibili tramite Linux, ma non da Windows che gestisce un massimo di 64 core).

Post to Twitter

Condividi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>