Glossario Internetworking – D

Condividi

DDR (Dial on Demand Routing): tecnica di routing in connessioni ISDN.

DE (Discard Eligibility indicator): bit della trama Frame Relay che, se uguale ad 1, indica che la trama può essere scartata in presenza di congestione della rete (Traffic-Shaping).

DES (Data Encryption Standard): Algoritmo di crittografia dei dati a chiave simmetrica. Il DES è in grado di operare su blocchi di dati da 64 bit con chiavi lunghe 56 bit. Una variante nata dal DES è il 3DES che prevede semplicemente la tripla ripetizione dell’algoritmo DES.

DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol): metodo di configurazione automatica degli indirizzi Ip di una rete attraverso un DHCP Server. RFC1531.

Domain Controller: Server di rete che si occupa di controllare l’accesso (fase di Logon) al Dominio a cui appartinene.

Diff-Serv: protocollo standard IEEE per la QoS che ridefinisce come il byte ToS (Type of Service) dell’IPv4 o la Traffic Class dell’IPv6 vengono usati per specificare una richiesta di qualità del servizio. Diff-Serv è compatibile con l’uso attuale dei bit di priorità IP nel campo ToS ed è concepito per fornire la qualità del servizio a classi generali di traffico o aggregati di traffico in contrapposizione ai flussi individuali.

Differential Mode Delay: Decadimento delle perfermonce in una connessione su fibra ottica in cui una sorgente laser (es. GBIC LX/LH) viene connessa direttamente ad una fibra ottica Multimodale. Tale decadimento diviene sostanziale per distanze superiori ai 300mt. Cisco consiglia di utilizzare una particolare patch chord denominata Mode Conditioning Patch Chord per ovviare al problema.

Digital Signaling Level (DS-0, DS-1, DS-3): specifiche della frame nelle trasmissioni digitali WAN nelle Gerarchie Plesiocrone (PDH).

Distance vector (es. RIP, IGRP): protocollo di routing in cui il router comunica periodicamente ai router adiacenti la proprie tabelle di instradamento. Nel RIP il best-path viene calcolato in base al numero di hop passati (per il RIP version 1 il numero massimo di hop è 15). Nel caso dell’IGRP viene presa in considerazione la disponibilità di banda, il traffico, l’affidabilità della linea ed il tipo di interfaccia (e la limitazione al numero di hop passati per default è di 100 ma può essere configurato fino a 255). RIP v1 e IGRP sono protocolli di tipo Classfull, ovvero nelle informazioni di routing non trasportano la subnet mask. Utilizzano l’algoritmo Bellman-Ford. Il RIP v1 e l’IGRP utilizzano broadcast per propagare le informazioni mentre il RIP v2 utilizza il multicast 224.0.0.9.

Distanza amministrativa: quando ci sono più protocolli di routing che determinano il percorso di raggiungimento di un network, la scelta del best-path viene effettuata in base alle prestazioni degli stessi protocolli che determinano una distanza “virtuale” dal network. Negli apparati Cisco vale la seguente tabella:
Interfacce connesse: 0 – Rotte statiche: 1 – EIGRP Summary route: 5 – External BGP: 20 – Internal EIGRP: 90 – IGRP: 100 – OSPF: 110 – IS-IS: 115 – RIP v1 e v2: 120 – External EIGRP: 170 – Internal BGP: 200 – Unknown: 255.
Ovviamete maggiore è il peso minore sarà la precedenza.

DLCI (Data-Link Connection Identifier): un campo nella trama Frame Relay che identifica la connessione logica (PVC/SVC).

DLSw (Data-Link Switching): metodo per consentire al traffico SNA e Netbios di passare su network Tcp/Ip utilizzando il layer 2.

DNS (Domain Name Server): servizio Tcp/Ip (Porta 53) per la risoluzione dei nomi in indirizzi IP.

DoS (Denial-of-Service): tipo di attacco di hackers che bloccano un server utilizzando il metodo di apparire come semplice traffico di rete (inviando pacchetti TCP-SYN). Per prevenirlo si può utilizzare la tecnica del packet filtering che però inficia notevolemente le prestazioni dei router. Tipici attacchi DoS sono: Smurf, Syn Flood.

Dribble bit error: informazione di ricezione di una frame troppo grande. Non causa un errore.

DSP(Digital Signal Processor): I DSP servono per convertire i segnali voce in pacchetti.

Dual homing: per aumentare l’affidabilità dei sistemi stellari si adotta questa tecnica (di solito in FDDI), che consiste nel connettere il concentratore di secondo livello a porte diverse di concentratori diversi, in cui una connessione è primaria ed attiva e l’altra è secondaria ed in stato di backup caldo.

DVMRP (Distance Vector Multicast Routing Protocol): protocollo di routing per i pacchetti multicast. Implementa un algoritmo di tipo Source-Based Tree (ogni router calcola il link di uscita sul percorso minimo verso ciascuna sorgente) con funzionalità RPF (Reverse Path Forwarding), Pruning e Grafting (innesto).

DWDM (Dense Wavelenght Division Multiplexing): tecnica di trasmissione su fibra ottica che consente di multiplare la banda.

Post to Twitter

Condividi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>