Conversione di un disco dinamico in un disco di base senza perdere i dati

Condividi

Uno dei compiti più delicati e più difficili per un sistemista è quello di recuperare i dati in caso di guasto o problemi all’hardware. In queste condizioni può succedere di dover collegare un disco dinamico (magari perchè configurato con il mirroring) ad un sistema dove il disco di sistema è di base.

Per poter fare correttamente e in modo proficuo tale operazione bisogna innanzitutto scaricare il Suppor Tools di Windows XP da questa pagina.

Installare il pacchetto scaricato (N.B.: eseguire l’installazione “Complete” e non Typical), localizzare nella cartella di installazione (normalmente è C:\Programmi\Support Tools) il file DskProbe.exe (Disk Probe, icona a forma di croce rossa), eseguire il file con doppio click.

Dal programma Disk Probe selezionare il menù Drive e cliccare su Physical Drive, verrà visualizzata la seguente finestra:

Nella lista dell’immagine di esempio vengono mostrati due dischi: PhysicalDrive0 e PhysicalDrive1, rispettivamente un disco fisso C di base e un disco fisso D dinamico, avendo la necessità di convertire il disco dinamico, cliccare due volte su PhysicalDrive1 poi sul pulsante Set Active, al termine cliccare sul pulsante OK.

Cliccare sul menù Sector, poi su Read, verificare che il valore Starting Sector sia 0 (zero) e il valore Number of Sector sia 1 (uno), cliccare sul pulsante Read.

Nella schermata principale vengono mostrati i settori del disco aperto, localizzare il settore 01C0, il terzo byte dovrebbe essere con valore 42, valore che identifica un disco dinamico.

Cliccare sul valore 42 e cambiarlo con 07 (zero, sette).
Cliccare sul menù File, poi su Exit, rispondere nelle finestre di dialogo per salvare le modifiche apportate.

Ora verificare che nella finestra seguente il valore Starting sector to write data sia impostato su 0 (zero), poi cliccare sul pulsante Write it e rispondere nell’ultima finestra di dialogo mostrata prima dell’uscita del programma Disk Probe.

Riavviare il computer, il disco dinamico è ora convertito in disco di base.

L’unica cosa davvero importante a cui fare attenzione ora è che l’hard disk non verrà letto con la sua capacità effettiva di GB, ma con una capacità virtuale di 1GB. Nessuna paura! Il contenuto del disco verrà letto interamente e quindi sarà possibile utilizzare il disco a tutti gli effetti.

Inoltre per riportare il disco in modalità dinamica sarà sufficiente eseguire le operazioni indicate sopra in modo inverso.

Post to Twitter

Condividi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>