iPhone vs Blackberry: push email

Condividi

Capita sempre più spesso di imbattersi in persone che hanno voglia o necessità di acquistare uno smartphone ma si trovano in difficoltà perchè non sanno quale scegliere; nelle prossime settimane metteremo in risalto alcune dei pregi e dei difetti di due tra i più diffusi smartphone: ovvero iPhone, giunto alla versione 4, e Blackberry!

In particolare andiamo ad analizzare la funzionalità di push email che per alcuni è tanto comoda ed addirittura irrinunciabile e per altri invece è solo una seccatura.

Nell’iPhone (in tutte le sue versioni) è possibile settare da “Impostazioni” il fatto che il push email sia attivo, sia disattivato oppure sia manuale, ovvero l’utente deve fare l’operazione di Invia/Ricevi tanto comune nei client di posta elettronica come MS Outlook; questo vale sia quando si è sotto copertura del proprio operatore sia quando si è in roaming (all’estero ad esempio). Facendo questa operazione non si disattiva il traffico dati, quindi sarà comunque possibile continuare ad utilizzare tutte quelle applicazioni, a partire da Safari, che richiedono una connettività dati.

In Blackberry invece, sempre dal menu Impostazioni, è possibile disattivare il servizio dati in modo definitivo (bloccando quindi tutte le applicazioni che richiedono una connettività dati) oppure disbilitare il servizio dati solo in roaming e quindi evitando, ad esempio quando ci si trova all’estero, di incorrere in brutte sorprese in bolletta. Quindi in questo caso per disattivare il push email bisogna disattivare necessariamente il traffico dati; in effetti la soluzione di Blackberry è un po’ più brutale ma consideriamo anche il fatto che Blackberry è nato con la caratteristica del push email come una componente base e quindi irrinunciabile.

La scelta perfetta non esiste, anche perchè si tratta comunque di una scelta soggettiva! L’importante è conoscere a fondo tutte le caratteristiche, i pregi e i difetti dello smartphone che si sta per acquistare; considerando che la spesa che si sta per affrontare non è indifferente vale la pena perdere 5 minuti e saperne di più!

Post to Twitter

Condividi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>